Ospedale di Licata ” uomo muore per dei calcoli renali”, malasanità ?

Un 52enne è stato dimesso per due volte dall’ospedale prima dell’aggravamento delle sue condizioni di salute .

Infatti, la terza volta che torna all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata, le sue condizioni sono gravissime: i sanitari dispongono il trasferimento al San Giovanni di Dio di Agrigento ma è troppo tardi.

La morte del paziente, secondo quanto denunciato dai familiari, sarebbe stata causata da due banali calcoli renali.

L’uomo,dicono i parenti che hanno presentato un esposto, sarebbe andato per ben due volte in ospedale a Licata, restando in attesa e non venendo mai curato.

Dopo essere stato dimesso per ben due volte, sarebbe tornato per la terza volta in ospedale ma le sue condizioni di salute si erano aggravate.

Il cinquantenne è morto all’ospedale san Giovanni di
Dio di Agrigento, dove era stato trasportato di urgenza.

Di: Amato Angelo

Seguiteci su NURSENEWS.EU

The following two tabs change content below.
Angelo Amato
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Avezzano. Un “premio” sullo stipendio di oltre 35 mila euro per il raggiungimento degli obiettivi az [continua]

FUORI DAL COMPARTO Per tali motivi, questa Associazione non può più tacere su quanto qui esposto e p [continua]

Le riforme legislative che hanno interessato anche recentemente le professioni sanitarie (V. per ese [continua]

il personale di supporto, assunto per espletare e colmare un vuoto organico relativo all’assistenza [continua]