Il giorno dopo la firma della preintesa contrattuale la protesta esplode sui social e la Cisl chiama i suoi a raccolta per rispondere a colpi di post e tweet. Ma al di là delle schermaglie virtuali la sostanza è che gli aumenti contrattuali non hanno premiato gli infermieri che si vedranno livellato lo stipendio con i profili più bassi, con i quali la differenza degli aumenti ottenuti si misura in pochi euro al mese.

La rivolta degli infermieri vola sui social. E la conferma che non si tratta di pochi contestatori viene indirettamente proprio da chi è il bersaglio principale delle critiche: il sindacato confederale che ieri ha firmato la preintesa sul contratto del comparto sanità mentre i due sindacati autonomi degli infermieri scioperavano registrando (dati loro) un’adesione vicina all’80%.

Ma torniamo ai social. Anche i commenti sulla nostra pagina facebook sono quasi tutti di segno contrario alla firma, figuriamoci poi nelle pagine social dedicate. Un’ondata di protesta montante che ha spinto la Cisl a scrivere ai suoi referenti sindacali per lanciare l’allarme dopo che, leggiamo nel testo del messaggio di siamo venuti in possesso, “si sta scatenando un vero e proprio assalto alle nostre pagine, seguente alla firma dell’ipotesi di Ccnl Sanità pubblica”.

“Con i colleghi di Cgil e Uil, ci siamo accorti che la pratica è sistematica e diffusa anche sulle loro pagine”, scrive ancora la Cisl, che chiede “di interagire tra i commenti, sia nei post relativi al contratto, sia recensendo la nostra pagina”.

Insomma una controffensiva social in piena regola che, dopo dieci anni di assenza di contratto, contraddistingue la firma dell’intesa con un inedito scontro virtuale degno dei nostri tempi.

Ma al di là di questi aspetti sociologici, perché questa rivolta tra gli infermieri e perché questa spaccatura così netta tra confederali e autonomi?

Mi hanno fatto notare che la possibile spiegazione sta tutta in una tabella quella degli aumenti contrattuali. L’aumento economico tabellare mensile (Tabella A dell’ipotesi di contratto) sommato all’aumento perequativo (Tabella D) appiattisce definitivamente la categoria degli infermieri: l’aumento di un operatore tecnico in B1 a regime è di 82,10 euro mensili e quello di un infermiere in D1 è di 87,40 euro mensili con una differenza di soli 5, 30 euro mensili.

E non va meglio per i profili professionali “più esperti”: l’aumento a regime per un operatore tecnico in B4 è di 84 euro per un infermiere in D4 a regime è di 87,20 con una differenza di 3,20 euro.

Stanti così le cose, l’infermiere, a torto o a ragione, risulta completamente appiattito sui profili professionali più bassi, senza alcuna valutazione e valorizzazione delle competenze e della responsabilità e questo (sarà una coincidenza ma conta) proprio quando entra in vigore la riforma degli ordini e il tanto sbandierato Ordine degli infermieri che ne sancisce il pieno riconoscimento di professionisti della sanità.

In questo modo la scala parametrale anche dei prossimi rinnovi contrattuali sarà completamente compromessa e questo appiattimento non sarà recuperato se non con quell’investimento economico che, dopo 9 anni, gli infermieri si aspettavano già a partire da questo rinnovo contrattuale.

Ma non basta. C’è anche un aspetto legato alla possibilità di far carriera per superare l’attuale sostanziale livellamento degli infermieri (escludendo i pochi dirigenti infermieri). Una possibilità che la preintesa rimanda all’ennesima commissione.

Insomma stipendi livellati e carriere bloccate: due buone ragioni perché la rabbia di una categoria esploda. Se si tratta di una rabbia passeggera, che finirà magari con la sottoscrizione a posteriori del contratto anche dei sindacati autonomi o se invece sarà l’inizio di una rivolta stabile e destinata a creare una spaccatura profonda nel comparto della sanità lo capiremo presto. Soprattutto se l’annunciato referendum sull’ipotesi di contratto si farà sul serio.

Redazione NurseNews.eu

Fonte Quotidiano sanita

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Procedura straordinaria per l’arruolamento eccezionale, a domanda, di 100 Sottufficiali/luogotenente infermieri nella Marina Militare e nell’Aeronautica Militare.

Personale milimtare ha reso nota la circolare che disciplina l' arruolamento eccezionale indetto ai sensi dell’articolo 19 del Decreto Legge ...

Continua a leggere

OPI Roma, Infermiere scolastico:ricostruire un rapporto organico tra scuola e sanita.

“Recuperiamo il senso di una norma del 1961 che introduceva la sanità nelle scuole, superata negli anni ’90. Serve una relazione ...

Continua a leggere

COVID-19:Pronto il primo vaccino cinese.Sperimentazione sui militari.

Il primo vaccino per il coronavirus al mondo è pronto: la Cina lo sta sperimentando su alcuni militari. Il prodotto ...

Continua a leggere

la qualità del sonno degli infermieri influenza in maniera marcata il rischio di errori nella somministrazione dei farmaci.

Uno studio nazionale di sondaggi web trasversale E. Di Simone, F. Fabbian, N. Giannetta, S. Dionisi, E. Renzi, R. Cappadona, M. ...

Continua a leggere

Milano, Ospedale Luigi Sacco: provano ancora a demansionare gli infermieri con il “Jobs istruction Infermiere Base”

Il Piano di lavoro o job istructions (sotto allegato) , redatto dal coordinatore infermieristico dell’ Ospedale Sacco di Milano recita: ...

Continua a leggere

Speranza: possibile nuova ondata

Speranza: possibile nuova ondata

Il ministro speranza dichiara che è possibile una seconda ondata di covid-19 e chiede cautela "La comunità scientifica non la esclude. Ci ...

Continua a leggere

PRIMARIO TRASFORMA GLI OSS IN INFERMIERI: DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI POTENZA PER ISTIGAZIONE ALL’ABUSO 348 C.P..

Diffida all’azienda ospedaliera regionale San Carlo e all’Ordine delle Professioni Infermieristiche (Potenza) ISTIGAZIONE ALL’ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA – ISTIGAZIONE AL ...

Continua a leggere

100720-N-4044H-292 SOFIFI, Indonesia (July 20, 2010) Latter-day Saint Charities Nurse Practitioner Michelle Crawford performs a general examination during a medical civic action program in Sofifi, Indonesia.  The Military Sealift Command hospital ship USNS Mercy (T-AH 19) is in the North Maluku Islands conducting Pacific Partnership 2010, the fifth in a series of annual U.S. Pacific Fleet endeavors conducted in Indonesia as a disaster relief exercise aimed at strengthening regional partnerships.  (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 2nd Class Eddie Harrison/Released)

Coronavirus:L'Italia introduca l'Infermiere scolastico, garante in Europa della salute pubblica...ma in Italia non esiste.

  Con l’espressione “promozione della salute” si intende il processo che conferisce agli individui i mezzi e le conoscenze per avere ...

Continua a leggere

Corte di cassazione sez. Lavoro:riposi negati al personale sanitario infermieristico, se non concessi, ne risponde il Direttore Generale e non il dirigente non delegato.

Corte di cassazione sez. Lavoro:riposi negati al personale sanitario infermieristico, se non concessi, ne risponde il Direttore Generale e non il dirigente non delegato.

Con la pronuncia n. 3469/2019, la sezione lavoro della Corte di Cassazione, ha confermato la sanzione inflitta a un Direttore ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione
Alfio Stiro