Le infermiere volontarie della CRI, nonostante la denominazione, NON possono essere qualificate come infermiere, infatti, non possono iscriversi all’Albo, non possono partecipare a concorsi pubblici come coloro che hanno conseguito la laurea.


Permane però quest’anomalia in evidente contrasto con altre leggi dell’ordinamento italiano, soprattutto con L. 43/2006, per la quale la professione infermieristica è soggetta al conseguimento del titolo universitario e per il suo esercizio è richiesta l’iscrizione all’Albo.
Speriamo in una revisione del decreto nella prospettiva disegnata dalle tante norme che hanno sancito l’evoluzione della figura dell’infermiere, laureato iscritto all’Albo, come UNICO responsabile dell’assistenza infermieristica, (cfr. anche il D.M. 739/94).
Mi domando, comunque, come avrebbe reagito, ad esempio, la classe medica, se fosse stato consentito a volontari, senza laurea in Medicina, di svolgere assistenza sanitaria “con le funzioni e le attività proprie della professione medica”

ADI Sicilia

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Imbarazzante. Vergognoso. Poco dignitoso. Il mondo degli infermieri si scaglia contro i video spot r [continua]

Migliaia di “Infermieri Uniti” promuoveranno campagne di informazione e sensibilizzazione culturale, [continua]

Monza, corruzione nella sanità: arrestati 12 medici. “Compravano protesi di bassa qualità in cambio [continua]

“L’ospedale Sant’Elia è diventato un Hub e deve avere un pronto soccorso degno di questo status”. Co [continua]

Non è colpa nostra se certi concetti elementari non vengono compresi Del resto non si capisce neppur [continua]