Vietato nascere ad Agrigento: San Giovanni di Dio sold out.

Non solo il Pronto Soccorso nel caos, con personale sottodimensionato e turni di attesa lunghissimi, ma adesso anche la triste e desolante vicenda dei posti “esauriti” al reparto di ostetricia dell’ospedale San Giovanni di Dio. A riportare la notizia il GDS che racconta di un cartello affisso alcuni giorni fa davanti la porta del reparto.

L’ospedale cittadino, registra il sold out quindi, con le nascite dirottate altrove: Canicattì. e Sciacca, considerato che i posti nel nosocomio di contrada consolida sono tutti occupati.

La situazione più desolante avviene da mesi al Pronto soccorso però. medici e infermieri sono troppo pochi e tra ferie e riposi settimanali ancora di meno in questo periodo di grande affluenza. Così i pazienti che arrivano in Pronto soccorso vengono ricoverati in barella, lungo i corridoi o in corsia. Accade in tutta italia, dove si attende anche giorni per un posto letto. E se al reparto di Ostetricia di Agrigento si vieta di nascere, allora vuol dire che la situazione è davvero al capoline.
“Questa situazione rientra nei canoni della normalità – si giustificano dall’Asp – . in questo periodo dell’anno, mediamente, avvengono più parti e in più i posti sono occupati anche dai turisti. Nonostante il cartello però, possiamo assicurare che le emergenze verranno trattate in questa struttura. Se è necessario spostare delle nascite, sarà il caso di quelle programmate. Le necessità verranno garantite, ma per assicurare gli standard di cura, alcuni parti programmati potrebbero essere dirottati. In questo periodo il reparto è saturo“.

Davvero imbarazzanti le giustificazioni avanzate. Appare grottesco che la direzione strategica possa permettere tutto questo e che e dirottare altrove i ricoveri sia l’unica soluzione possibile. Come è intollerabile che la direzione strategica lasci scoperto il pronto soccorso piuttosto che ottimizzare le risorse.

Di: Amato Angelo

Fonte Agrigento.it

The following two tabs change content below.
Angelo Amato
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Parla il personale sanitario del reparto interessato dai casi di Coronavirus: «Siamo al terzo turno, [continua]

Che cos’è Il Coronavirus identificato a Wuhan, in Cina, per la prima volta alla fine del 2019 è un n [continua]

Vertice a Catania con l’assessore alla salute: chi ha sintomi non vada in ospedale. “Le raccomandazi [continua]

La federazione nazionale dei medici chirurghi Chiede di spostare l’esame del documento sull’applicaz [continua]

Si è concluso a Nicosia il corso di formazione istruttore BLS FULL D PROVIDER adulto e pediatrica su [continua]