Al cinquantesimo posto, con 5,04 infermieri, c’è il Gabon. Dietro il Gabon troverebbe posto la provincia di Livorno, con i suoi 4,9 infermieri ogni mille abitanti.

[…] Gli infermieri italiani, pur essendo meno della metà dei loro colleghi inglesi, per esempio, garantiscono a dire dei nostri esperti, “standard assistenziali molto buoni” rispetto a chi e a cosa non c è dato capire. Eppure sono pagati anche meno. Pur lavorando molto rispetto agli inglesi, prendono un salario molto inferiore (fino a ottocento euro in meno). Turni pesanti, alta responsabilità, elevato rischio d’errore, condizioni non ottimali vanno di pari passo con stipendi sotto le medie europee.

[…] In Italia dunque mancano gli infermieri. Le stime parlano di un buco di quarantamila a livello nazionale,senza considerare la carenza cronica del personale di supporto.

NurseNews.

Altre fonti

(P. Cornaglia Ferraris, La casta bianca. Viaggio nei mali della sanità)

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Non si fa attendere la risposta durissima che giunge dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche [continua]

Tralasciando le specifiche disamine dell’ordinamento giuridico, nazionale ed internazionale, che dov [continua]

Non mi pare che nel ssn ci sia stata mai chiarezza di ruoli fra gli Infermieri e il personale ausili [continua]

Giustamente, siamo tutti indignati, quando si vogliono abbassare gli standard della formazione medic [continua]