L’Asp di Enna condannata a risarcire gli eredi di un dipendente dell’ospedale di Nicosia morto per superlavoro. La Corte di Cassazione ha riconosciuto il “superlavoro” come causa di morte di un tecnico radiologo in servizio all’ospedale Basilotta di Nicosia, ritenendo responsabile l’Asp di Enna.

Per la Cassazione, nel lavoro ospedaliero connotato da costanti carenze di organico, non è “accettabile riversare sui dipendenti tutto l’onere di garantire le prestazioni sanitarie ai pazienti”.
Devono essere il servizio sanitario e l’Asp di competenza ad organizzare il lavoro in modo da garantire l’utenza e l’integrità psico- fisica di medici ed operatori sanitari.

La Corte di Cassazione, dopo 10 anni di processi, riconosce che i turni eccessivi sostenuti negli ospedali dove l’organico è carente “possono uccidere” come nel caso del tecnico radiologo Giuseppe Ruberto di Nicosia, morto poco più che trentenne nel 1998 a causa di quello che per l’avvocato, legale della vedova e della figlia, era superlavoro imposto dall’azienda. La sentenza stabilisce che il decesso è da imputarsi all’Asp di Enna a causa delle condizioni disagiate e del carico al quale per 7 anni fu sottoposto Ruberto.
Per la Corte si riconosce la responsabilità del datore di lavoro, in questo caso l’Asp di Enna, sebbene il dipendente non si sia mai lamentato formalmente del carico eccessivo al quale era sottoposto. In primo grado il tribunale di Nicosia aveva riconosciuto agli eredi che il decesso del loro congiunto era imputabile all’enorme carico di lavoro, condannando l’Azienda sanitaria ennese al pagamento dell’equo indennizzo e al risarcimento del danno da lesione del rapporto parentale per la perdita della figura familiare. La Corte d’Appello di Caltanissetta, aveva accolto il ricorso presentato dai legali dell’Asp di Enna, annullando quella di primo grado e il legale della famiglia è ricorso in Cassazione che ha riconosciuto, con sentenza definitiva, il superlavoro come causa di morte del tecnico radiologo e il diritto degli eredi al risarcimento del danno. Per le croniche carenze di organico ed i turni eccessivi l’Asp di Enna è stata recentemente condannata a risarcire per diverse centinaia di migliaia di euro tre chirurghi per le reperibilità in numero superiore a quello che stabilisce la legge.

Alfio.Stiro

 

 

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

E’ tale soggetto che deve dimostrare l’assenza dell’inadempimento o la circostanza che questo sia ri [continua]

La redazione di NurseNews riprende e riporta l’articolo scritto dalla collega Chiara D’Angelo su Quo [continua]

Sicilia: Numerosi ricorsi dei precari ,sono a rischio nullità le assunzioni. Ecco cosa accade nella [continua]

L infermiere deve semplicemente svolgere la sua professione, esattamente come gli altri professionis [continua]