Si è svolta regolarmente giovedì 8 giugno il sit-in organizzato dalla UIL FPL AGRIGENTO dove hanno partecipato numerosi lavoratori dipendenti tra dirigenza e comparto dell’ASP 1 AG, nonché cittadini che hanno voluto dimostrare la propria solidarietà e interesse su temi che riguardano il diritto al lavoro , dei lavoratori e della salute di tutta la comunità agrigento.

Un momento di protesta convocato nelle settimane scorse e che, per il  segretario Fabrizio Danile non ha perso la propria valenza nonostante il giorno prima un comunicato stampa dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento comunicava le proroghe dei contratti a tempo determinato in scadenza il 30 giugno 2017.

” La regione ci ha abbandonato ha detto il segretario provinciale UIL FPL Fabrizio Danile- non ci ha messo nelle condizioni di avere delle garanzie in termini di servizi alla collettività.

Solo ieri, il giorno prima del sit-in abbiamo appreso dalla direzione generale che ha dato mandato di provvedere al rinnovo dei contratti a tempo determinato fino al 31 dicembre, azione che rivendichiamo da tempo, ma ancora non c’é il la delibera ufficiale”.

Sul tavolo tra gli altri punti c’erano la nuova rete ospedaliera e la situazione della dotazione organica, la progressione economica orizzontale dei lavoratori, il sistema delle indennità per la produttività, la rideterminazione delle strutture semplici e delle posizioni organizzative ma, soprattutto le condizioni lavorative del personale nei vari presidi ospedalieri dell’ASP 1 agrigento.

” Abbiamo deciso comunque di manifestare- ha spiegato Danile- perché le questioni che riteniamo debbano essere poste con urgenza non si limitano purtroppo solo alla proroga dei contratti di lavoro. In particolare continua – un obiettivo importante rimane per noi la verifica delle condizioni di lavoro e di cura nei presidi ospedalieri della nostra provincia – nelle prossime settimane dobbiamo fare chiarezza su quanto accade.”

” Rivendichiamo un diritto che spesso viene dimenticato- ha dichiarato Gera Cosentino , dirigente sindacale UIL FPL responsabile dei precari della provincia-

Siamo contenti della proroga, l’Asp si è dimostrata sensibile rispetto alla nostra condizione che persiste per alcuni di noi, da 20 anni.

È straziante essere precari, noi siamo stati costretti questo mese a prendere le ferie per fine incarico e saremo a luglio e agosto all’interno degli ospedali. Il rinnovo dei contratti non garantisce certezze. Noi vorremmo che sì normalizasse prima possibile questa situazione “.

” Il sit-in è stato organizzato per dare voce a tutti i lavoratori dipendenti della nostra azienda sanitaria provinciale – sottolinea Angelo Amato dirigente sindacale UIL FPL comparto sanità responsabile provinciale dell’aria servizi per gli iscritti e della  formazione .

Grazie a  questo sit-in finalmente la direzione generale ieri, è uscita con un comunicato stampa per il rinnovo dei contratti del personale sanitario a tempo determinato fino al 31 dicembre 2017.

Questo è solo il primo step ,  in quanto noi chiediamo che vengano avviate le procedure di stabilizzazione di questi professionisti della salute che da anni soffrono lo stato di precariato.

Altro tema importante è il demansionamento un diritto negato ad essere professionisti della salute.

Chiediamo, lo sblocco delle ASSUNZIONI e il rispetto dei LEA.

“Cittadini insoddisfatti , LEA non garantiti , queste le analisi di Eurostat e Gimbe”.

Rispettare i LEA per una risposta sanitaria efficiente ed efficace, per dare lavoro a chi aspetta da anni e non massacrare di stress psico-fisico da lavoro correlato i pochi sanitari in turno, per evitare l’aumento del rischio clinico.

La colpa non è assolutamente nostra ma di chi ci costringe a sopperire nostro malgrado alle  emergenze d’organico, una situazione ormai cronica​.

Inoltre , stress,  affaticamento, e frustrazioni prolungate possono costituire una vera e propria bomba ad orologeria- una spirale di disagio che può condurre ad un cortocircuito psicologico definito “BURNOUT ”

È certo , che se manca personale sanitario come medici, Infermieri, e figure alternative come gli OSS, non possiamo erogare salute, quindi se noi siamo qua è per il diritto al lavoro, i diritti dei lavoratori e della comunità agrigentina , per chiedere dignità al diritto alla salute.

Ci siano date risposte conclude- il sindacalista Amato Angelo- sulle garanzie previste per i lavoratori e sulla tutela dei diritti alla salute”.

 

The following two tabs change content below.
Angelo Amato
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro
Post N4.0

È scoppiata una guerra politica in sicilia sul rinnovo degli incarichi dei manager della Sanità che [continua]

27 GIU – Gentile direttore, in verità il Minghetti non è bene informato perché le mansioni di cui pa [continua]

CATANIA – È attivo da alcune settimane e sta già riscontrando l’entusiasmo degli interessati lo spor [continua]

Gentile redazione di NurseNews.eu il 12 maggio si celebra la giornata internazionale dell’infermiere [continua]

“Entro fine mese i concorsi della sanità verranno sbloccati” Lo ha dichiarato pochi giorni fa’ l’Ass [continua]