Archivi del mese: marzo 2017

Colloquio cordiale in cui la presidente Ipasvi ha illsutrato al sottosegretario alla Difesa i problemi legati alla carriera dei laureati in infermieristica e gli ostacoli che questi incontrano nel riconoscimento della loro professionalità

Infermieri delle Forze armate: la Federazione insiste sul loro riconoscimento e la presidente, Barbara Mangiacavalli, ha incontrato il sottosegretario Domenico Rossi per illustrargli i problemi legati alla carriera dei laureati in infermieristica e gli ostacoli che questi incontrano nel riconoscimento della loro professionalità.

Continua a leggere

Legislatura 17ª – Aula – Resoconto stenografico della seduta n. 790 del 22/03/2017

BENCINI, Maurizio ROMANI, SIMEONI, URAS, MOLINARI – Ai Ministri della difesa e per la semplificazione e la pubblica amministrazione – Premesso che, a quanto risulta agli interroganti:
in data 21 febbraio 2017 (Gazzetta Ufficiale 4ª serie speciale n. 14) il Ministero difesa, Direzione generale per il personale militare, ha indetto il primo bando di concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di personale in possesso di laurea triennale in infermieristica da immettere, a nomina diretta, nel ruolo dei marescialli dell’Esercito e della Marina militare, anziché in quello degli ufficiali delle rispettive forze armate;

Continua a leggere

Da Quotidiano sanita:
Conclusa la prima fase di analisi dei fabbisogni delle 30 professioni sanitarie che operano nel settore dell’assistenza. La prossima tappa è la determinazione del numero di posti a bando nelle Università per il 2017-2018, ma le proiezioni analizzano domanda e offerta fino al 2035 e mostrano un fabbisogno di circa 100mila operatori sanitari in più rispetto agli attuali, sia nel pubblico che nel privato. Ma medici e farmacisti fanno eccezione. Per i primi il turn over sarà sufficiente a garantire il fabbisogno mentre i secondi rischiano un alto numero di disoccupati se non si porrà freno agli accessi universitari.

27 MAR – Nei prossimi venti anni (fino al 2030-2035) al Servizio sanitario, pubblico e privato che sia, serviranno almeno 100mila professionisti in più secondo i calcoli delle Federazioni e delle associazioni che li rappresentano. Quasi tutti concentrati nelle professioni sanitarie dei cosiddetti “profili”: infermieri, tecnici sanitari, della riabilitazione ecc. Ma le Regioni frenano e secondo le loro stime il numero attuale, al massimo con circa 5mila unità in più in media, va bene così.

Continua a leggere

Italia umiliata in Europa

24 MAR – Gentile Direttore,
il 22 marzo si è svolta l’audizione, davanti alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo, di alcuni lavoratori precari tarantini alla presenza della Commissione europea e del Governo italiano, in ordine alle ripetute violazioni del diritto comunitario compiute dallo Stato italiano in materia di contratti a termine nelle pubbliche amministrazioni.

Continua a leggere

Nurse, Student, Education.

 

25 MAR – Gentile direttore,
un salto indietro. Così viene letta l’ingiustificata decisione dell’ASST Spedali Civili, a conclusione di una lettera che riporta la firma di tutti i Presidenti IPASVI della Lombardia. Il concorso, bandito a dicembre dello scorso anno e le cui prove sono in svolgimento in queste settimane, è presieduto da un medico con la collaborazione di due Operatori Socio Sanitari (OSS).

Alcune note pervenute al Collegio di Brescia, avevano portato a una prima richiesta di “ripensamento”, datata 13 Marzo 2017, indirizzata al Direttore Generale e p.c. alla Direzione Sanitaria e di Presidio, al SITRA, alle rappresentanze sindacali e alla Federazione Nazionale Ipasvi.

Continua a leggere

Mentre molti Infermieri continuano a esaltare il giro letti ed ogni mansione domestico alberghiera accessorio ad esso definendola un momento fondamentale per instaurare un rapporto empatico con il paziente gli operatori sociosanitari lottano per poter evolvere denunciando a gran voce gravi situazioni di demansionamento.

Gli infermieri indottrinati dalle università e da molti rappresentanti appartenenti a collegi Ipasvi giustificano situazioni aberranti autoconvincendosi che cambiare pannoloni ogni giorno sia fondamentale per valutare lo stato cutaneo dei pazienti e che rispondere ai campanelli sia il principale intervento per salvare le loro vite.

Continua a leggere

Nurse, Student, Education.

 

 

Competenze professionali. Una nuova guerra dopo il comma 566? Allarme per un nuovo Accordo Stato Regioni. Le professioni: “Dentro c’è una sorta di ‘atto medico’ mascherato”

Da Quotidiano sanita.it

Il ministero della Salute ha inviato alla Conferenza Stato-Regioni una bozza di accordo sulla definizione delle attività delle professioni sanitarie che rischia di accendere nuove polemiche per la definizione delle “competenze mediche” come “criteri limite”

Continua a leggere

Alfio Stiro
Post N4.0

È scoppiata una guerra politica in sicilia sul rinnovo degli incarichi dei manager della Sanità che [continua]

27 GIU – Gentile direttore, in verità il Minghetti non è bene informato perché le mansioni di cui pa [continua]

CATANIA – È attivo da alcune settimane e sta già riscontrando l’entusiasmo degli interessati lo spor [continua]

Gentile redazione di NurseNews.eu il 12 maggio si celebra la giornata internazionale dell’infermiere [continua]

“Entro fine mese i concorsi della sanità verranno sbloccati” Lo ha dichiarato pochi giorni fa’ l’Ass [continua]