Archivi del mese: Gennaio 2017


Il fratello di Gianpaolo Matrone, estratto vivo dalle macerie dell’hotel di Rigopiano, fa sapere che il familiare non ha mai parlato con la stampa e di non credere alle parole riportate da un soccorritore sulla sorte di Valentina Cicioni, moglie di Gianpaolo. Per la giovane coppia di Monterotondo (Roma) fa il tifo tutta la città: “Speriamo ancora per Valentina”.
Fonte bu


Ossia tutti quei bambini che non sono i primi a camminare,ne’a parlare,ne’ a correre…
Bambini che hanno bisogno di quel momento in piu’,senza per questo essere manchevole di qualcosa.

In definitiva secondo il Ministero del Lavoro, al termine della prestazione lavorativa resa in regime di reperibilità, non si dovrà riconoscere un altro periodo completo di riposo, bensì un numero di ore che, sommate a quelle fruite precedentemente alla chiamata, consentano il completamento delle undici ore di riposo complessivo. Bisognerebbe però chiedersi se la deroga alla continuità e consecutività del riposo minimo con i regimi di reperibilità corrisponda allo spirito della direttiva europea. In una recente sentenza della Corte di giustizia europea (C189/14 del 23 dicembre 2015) viene ribadita l’importanza del riposo adeguato che deve essere regolare, lungo e continuo e non condizionato da ritmi irregolari di lavoro (punto 9 della sentenza) nonché il valore della continuità e della consecutività del riposo minimo (punti 4 e 48 della sentenza).

Continua a leggere

Nurse, Student, Education.

Da una denuncia sporta dal collegio IPASVI ( ordine degli infermieri  di Torino )su alcune presunte irregolarità registrate in strutture sanitarie, a danno del personale infermieristico; emerge che, in alcune strutture, gli infermieri svolgono la propria attività professionale in un contesto del tutto deregolamentato e al di fuori dai confini dettati dalla normativa in materia di riconoscimento professionale della qualifica di infermiere;
emerge, infatti, che diverse cooperative propongono (o impongono, come unica soluzione possibile, per essere assunti) ai professionisti sanitari contratti con inquadramento non conforme alla loro qualifica (quali contratti da operai o a chiamata o da operatori sanitari), obbligandoli, peraltro, a svolgere mansioni non rientranti tra le loro competenze professionali;

Continua a leggere

“La mancata inclusione dei soli precari della Asl di Latina non solo violerebbe il principio costituzionale dell’eguaglianza, creando un’ingiusta ed illegittima disparità di trattamento con i precari in possesso di identici requisiti che prestano la loro attività presso le altre Asl del Lazio per cui è stata ammessa la stabilizzazione, ma si porrebbe anche in contrasto con una sentenza della Corte di giustizia europea del 2014, con la quale l’Italia è stata condannata per l’improprio e sistematico ricorso di contratti a tempo determinato da parte di tutta la pubblica amministrazione.

Continua a leggere

Problema tecnico alla pec:
la Direzione strategica aziendale
ha preso atto della relazione stilata
dai tecnici dell’Area informatica
L’avviso straordinario per infermieri è stato annullato. La decisione è stata presa stamane dalla Direzione strategica aziendale dopo aver preso atto della relazione stilata dai tecnici dell’Area informatica.
L’esito delle verifiche svolte dal personale informatico ha evidenziato il problema tecnico che, sostanzialmente, non rende possibile stilare la graduatoria per ordine d’arrivo, così come previsto dall’avviso. Per questo motivo la ASL ha quindi stabilito di annullare l’intera procedura.
La ASL ricorda che i tempi ristretti dell’avviso erano stati dettati dalla necessità di rispondere rapidamente all’emergenza-influenza attivando, così come concordato durante un vertice con i direttori medici dei presidi, un reparto aggiuntivo dotato di venti posti letto in grado di far fronte all’alto numero di ricoveri, anche oltre la disponibilità ulteriore garantita dall’extralocazione e in previsione dell’annunciata seconda ondata di gelo, nonchè della notevole richiesta dell’utenza da soddisfare.

Continua a leggere

Ansa:
Nuove regole su malattia, congedi e permessi stanno per arrivare nella pubblica amministrazione. La riapertura della contrattazione segnerà infatti anche una svolta su queste materie. Che l’argomento venga affrontato lo prevede l’intesa del 30 novembre tra sindacati e governo, ma lì si accenna alla ripresa del confronto ad hoc, negoziato che era partito all’Aran nel 2014 ma senza poi giungere a un risultato. Non sarà però questa la strada, non ci sarà un tavolo specifico, ma secondo fonti ben informate il pacchetto malattia rientrerà direttamente nella trattativa ‘madre’ sui rinnovi contrattuali. Fin qui la forma, che già suggerisce come il tema sia caldo. Tanto che un riferimento comparirà anche nell’atto di indirizzo, fischio d’inizio ufficiale della contrattazione, che la ministra della P.a, Marianna Madia, sta preparando. Ma qualcosa sui contenuti già si può anticipare.

Continua a leggere


Queste le dichiarazioni del presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia. “Pubblicare avvisi pubblici per incarichi di 60 giorni, con le elezioni amministrative alle porte, non aiuta a conferire quella necessaria immagine di rigore e trasparenza nella gestione della cosa pubblica”.

17 GEN – “Per la Asl di Lecce, forse, esistono precari di serie ‘a’ e precari di serie ‘b’. Infatti, in barba agli accordi stretti con i sindacati, la Asl ha pubblicato degli avvisi pubblici per il reclutamento di personale infermieristico per incarichi di 60 giorni, senza tener conto delle graduatorie già esistenti e di dipendenti con contratti in scadenza. Su questo, depositerò un’interrogazione diretta al presidente-assessore Emiliano”. Lo dichiara il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo.

Continua a leggere


di Melina Chiapparino
Stanze sporche da tre giorni e degenti che imbracciano le scope per pulirle. Questo è lo scenario dell’ospedale Ascalesi che stamane ha coinvolto infermieri, pazienti e i loro familiari che, stanchi di ritrovare corridoi e aule in condizioni discutibili dal punto di vista igienico-sanitari, hanno utilizzato i carrelli delle ditte di pulizia cimentandosi nel ‘fai da te’.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

«I miei angeli sono stremati. Corro a portar loro la colazione. Oggi la mia domenica sarà al Sacco. [continua]

Ci risiamo, la dott.ssa Balanzoni nota ai social per la sua dichiarata avversità e aggressività nei [continua]

Parla il personale sanitario del reparto interessato dai casi di Coronavirus: «Siamo al terzo turno, [continua]

Che cos’è Il Coronavirus identificato a Wuhan, in Cina, per la prima volta alla fine del 2019 è un n [continua]

Vertice a Catania con l’assessore alla salute: chi ha sintomi non vada in ospedale. “Le raccomandazi [continua]