VENEZIA. La cura dei pazienti non può essere scandita dal cronometro ma richiede tempi adeguati alle diverse criticità di partenza e al decorso clinico. È un principio di buon senso quello che ha indotto la commissione sanità del Consiglio regionale ad approvare – con voto unanime – la revisione dei “ valori minimi di riferimento” per il personale dirigente medico e quello in servizio nei Pronto soccorso «al fine di valutare l’adeguatezza dell’organico al raggiungimento dei livelli essenziali di assistenza».

Che significa in concreto? «L’audizione di medici e infermieri ci ha convinto a rideterminare la metodologia assistenziale, passando dal minutaggio al fabbisogno effettivo, assicurando cioè una dotazione minima di medici e infermieri capace di garantire un servizio adeguato nei presìdi di Pronto soccorso», commenta il presidente leghista della commissione, Fabrizio Boron. Si tratta, in effetti, di un superamento del criterio stabilito in precedenza dalla stessa sanità regionale – che stabiliva un “tempo minimo garantito” alle diverse patologie, distinte in quattro fasce – criticato sul nostro giornale dal presidente veneto dell’Albo degli infermieri (l’Ipavsi) Luigino Schiavon che ne ha sollecitato, con successo, il riesame. «Il nuovo modello, fondato sulle esigenze espresse dagli operatori, potrà progressivamente essere esteso ad altre strutture sanitarie», aggiunge Boron e in proposito l’assessore Luca Coletto apre a nuove assunzioni: «Abbiamo chiesto allo Stato trecento medici e infermieri in più, speriamo bene… ».

Soddisfatto Claudio Sinigaglia (Pd) che sottolinea «l’importante coinvolgimento delle categorie professionali al fine della definizione di un assetto organizzativo garante dei livelli minimi di assistenza sanitaria»; una frecciata arriva invece da Patrizia Bertelle del M5S, pure favorevole al provvedimento: «Meglio tardi che mai, a suo tempo il mio era stato l’unico parere contrario a questa follia che sacrificava il rapporto medico-paziente in nome del concetto di tempo, assegnando medie giornaliere di 22 minuti ai medici e 40 agli infermieri. Questo clamoroso retromarcia della maggioranza è una vittoria dei cittadini».

Filippo Tosatto

Fonte

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Ci risiamo, la dott.ssa Balanzoni nota ai social per la sua dichiarata avversità e aggressività nei [continua]

Parla il personale sanitario del reparto interessato dai casi di Coronavirus: «Siamo al terzo turno, [continua]

Che cos’è Il Coronavirus identificato a Wuhan, in Cina, per la prima volta alla fine del 2019 è un n [continua]

Vertice a Catania con l’assessore alla salute: chi ha sintomi non vada in ospedale. “Le raccomandazi [continua]

La federazione nazionale dei medici chirurghi Chiede di spostare l’esame del documento sull’applicaz [continua]