Archivi del mese: gennaio 2017

Nurse, Student, Education.

Il sistema sanitario inglese è stato messo a dura prova dalla Brexit: alla cronica carenza di personale infermieristico (attualmente mancano all’appello 24 mila professionisti) si aggiunge il fatto che dall’Europa non arrivano nuove leve. Da giugno a oggi la presenza di infermiere provenienti dai paesi europei è crollata del 90 per cento. A dicembre si contavano solamente 101 infermiere e ostetriche straniere, rispetto alle 1304 registrate lo scorso luglio, subito dopo il referendum.

Continua a leggere

VENEZIA. La cura dei pazienti non può essere scandita dal cronometro ma richiede tempi adeguati alle diverse criticità di partenza e al decorso clinico. È un principio di buon senso quello che ha indotto la commissione sanità del Consiglio regionale ad approvare – con voto unanime – la revisione dei “ valori minimi di riferimento” per il personale dirigente medico e quello in servizio nei Pronto soccorso «al fine di valutare l’adeguatezza dell’organico al raggiungimento dei livelli essenziali di assistenza».

Continua a leggere

Cassazione. Il ‘primario’ non risponde dei piani di lavoro e della formazione degli infermieri
Una sentenza della Corte riconosce la responsabilità della formazione del personale infermieristico in capo al personale infermieristico stesso e esula dalle “prerogative dirigenziali del direttore o primario del reparto”. E poi sottolineano come l’infermiere in una unità coronarica “in qualche modo agisce da medico”. LA SENTENZA

15 FEB – Una sentenza della Cassazione penale (IV sezione, 21 gennaio 2016 n. 2541) stabilisce importanti principi di diritto nei rapporti tra medici e infermieri sia sul piano della subordinazione gerarchica ex primariale sia sul piano dello stretto esercizio professionale.

Continua a leggere

Permessi legge 104, l’assistenza non deve essere continuativa, ma ci si può dedicare anche ad altro, sempre che non si crei disagio alla persona assistita
La Cassazione, con sentenza n. 54712 del 23 dicembre 2016 torna a pronunciarsi sull’annosa questione relativa al corretto utilizzo dei permessi della legge 104 per assistenza ai disabili. Tale sentenza segna un vero e proprio spartiacque in materia poichè, buona fa cadere l’obbligo imposto al lavoratore che usufruisce del permesso, di assistenza continuativa al portatore di handicap.

Continua a leggere


Due studentesse del corso di laurea in scienze infermieristiche di Feltre hanno insegnato ai bambini della scuola dell’infanzia Ai caduti di Pedavena le buone prassi da tenere per proteggersi dall’influenza. La scuola ha deciso di estendere anche ai bimbi di 3 e 4 anni i contenuti del progetto Non influenziamoci; attraverso una filastrocca mimata, Anna Parissenti e Ludovica Ceccon, hanno informato e preparato i bambini ai comportamenti sani da tenere per proteggersi dalle influenze.
Fonte.

Avviso pubblico per soli titoli per il conferimento di incarichi libero professionali a professionisti infermieri.
Avviso pubblico per soli titoli per il conferimento di incarichi libero professionali a professionisti infermieri.

decorrenza termini il 28.01.2017

Scadenza termini il 06.02.2017
Avviso link

Non ce l’ha fatta Valentina Cicioni. L’infermiera del Policlinico Gemelli di Roma allunga la tragica lista delle vittime della valanga che ha investito e distrutto l’hotel Rigopiano di Farindola.

Dopo il ritrovamento in vita, avvenuto venerdì scorso, di suo marito Giampaolo Matrone, si sperava in notizie positive ma purtroppo il tempo e le condizioni meteo non hanno giocato a favore di chi ancora era rimasto intrappolato nella neve e nel ghiaccio che hanno ricoperto l’intera struttura ricettiva abruzzese.

Continua a leggere


CATANIA – Un percorso dedicato alle donne vittime di violenza è stato creato all’interno dell’ospedale Cannizzaro. L’azienda ha infatti stipulato un protocollo d’intesa con il Centro Antiviolenza Galatea di Catania finalizzato a favorire la protezione delle donne che hanno subito violenza, sensibilizzando al contempo il personale per un efficace intervento.

Continua a leggere

ANCORA una tragedia in Abruzzo. Dopo il maltempo, il terremoto e la valanga che ha distrutto l’hotel Rigopiano a Farindola, oggi un elicottero del 118 è precipitato nell’Aquilano, tra il capoluogo e Campo Felice, dopo aver recuperato un ferito su un campo da sci a Campo Felice, in una zona fortemente innevata e montuosa a circa 1.600 metri di quota. Morte le sei persone a a bordo: il pilota, due membri del Soccorso alpino, un medico, l’infermiere specialista, e il ferito. Ancora da accertare le cause. Sembrerebbe che l’elicottero sia precipitato forse dopo l’impatto con un cavo sospeso oppure per un guasto meccanico. Nella zona c’era fitta nebbia e anche questo potrebbe aver contribuito.

Alfio Stiro

Post N4.0

È passato al Senato dopo mesi di ostruzionismo: introdurrà, entro alcuni limiti, il diritto all’inte [continua]

. Ci risiamo e gli Infermieri dove sono? Senza un Infermiere titolato, le crocerossine, (che forse s [continua]

Saronno(Varese): altri 18 casi di morti sospette sono al “vaglio dei consulenti” nell’ambito del ter [continua]

Un uomo a Miami è arrivato in ospedale privo di sensi.Cio’ è quanto riportato “da il Messagero”.I me [continua]