FB_IMG_1468921356483 Matteo Giuseppe Incaviglia giustamente riporta:

“A seguito di una nostra diffida un coordinatore ha risposto: ” non conosco attività infermieristica che superi anche l’assistenza di base ( rifare i letti, rispondere ai dispositivi di segnalazione acustica ecc.).
Ci si chiede dunque, com’è possibile che in coordinatore non conosca la disciplina delle mansioni (art. 2103 C.C., com’è possibile che non conosca le sentenze, che almeno dal 1985 ha statuito che non compete all’infermiere svolgere attività c.d igienico-domestico-alberghiere, com’è possibile che un coordinatore non conosca i dettami del D.M 739 .1994 dove stabilisce che: “l’infermiere è responsabile dell’assistenza e per assicurare la quale si avvale del personale di supporto”??
Com’è possibile che un coordinatore non sappia che un Infermiere che svolge attività riservate al personale di supporto ( OTA OSS) commette un illecito disciplinare e per fino un inadempimento contrattuale??
Quando si leggono post di infermieri che rivendicano la padella e il giroletti, anch’essi vittime di questo indottrinamento di Nightingaleana memoria, queste sono le domande che dobbiamo porci?????” L’accesorieta:

Alfio Stiro

L’accesorieta’ in sanita..leggi sotto..

L’accessorietà o la strumentalità di una mansione in ambito sanitario , introduzione di Alfio Stiro,a cura del prof. Mauro Di Fresco,vediamo di cosa si tratta.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

4 risposte a Coordinatore diffidato: ” non conosco attività infermieristica che superi anche l’assistenza di base

  • Perfettamente daccordo ,ma nelle strutture dove manca la figura dell’OSS e la direzione sanitaria non risponde ,come si fa per soddisfare i bisogni primari dei pazienti?

    • tutte le figure dovranno essere coinvolte nel far fronte alla necessita’ di garantire assistenza al paziente, tutte e dico tutti primari e coordinatori compresi, perché se è vero che siamo tutti chiamati alla centralità del paziente allora è vero che laddove vi sia carenza non può a questa sopperire solo e soltanto la figura dell infermiere, non siamo noi i factotum co hanno cucito addosso questo personaggio in maniera assolutamente impropria e noi vittime dei nostri stessi redaggi culturali ancor prima che di quelli degli altri

  • Sono perfettamente daccordo con te nadia ,dove c’e’ la necessita’ tutte le figure devono essere coinvolte.

  • se queste strutture sono accreditate, devono garantire a ogni turno tutte le figure necessarie. Altrimenti perdono l’accreditamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

E’ tale soggetto che deve dimostrare l’assenza dell’inadempimento o la circostanza che questo sia ri [continua]

La redazione di NurseNews riprende e riporta l’articolo scritto dalla collega Chiara D’Angelo su Quo [continua]

Sicilia: Numerosi ricorsi dei precari ,sono a rischio nullità le assunzioni. Ecco cosa accade nella [continua]

L infermiere deve semplicemente svolgere la sua professione, esattamente come gli altri professionis [continua]