UpkPfA5XLjhXz40nhr9oeplQKTCeaenwB081yR1W03A=--fausta_bonino L’indagine,il giornale d’italia.
Arrestata e poi liberata lei si è sempre difesa: ‘Mi sono sentita incastrata’
Morti sospette a Piombino anche dopo l’infermiere Bonino.

Strani decessi sarebbero avvenuti anche dopo l’allontanamento di Fausta Bonino, l’infermiera accusata della misteriosa morte di tredici pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina di Piombino.È quanto denunciano i difensori della donna spiegando di avere in mano 14 cartelle cliniche di degenti morti dopo che la Bonino non prestava più servizio in rianimazione.

I dati contenuti in quelle cartelle, è la tesi della difesa della donna come riporta ‘La Nazione’, mostrerebbero che le morti “sospette” sono proseguite anche dopo il mese di ottobre 2015, periodo in cui Fausata Bonino era stata trasferita di reparto. “Abbiamo chiesto oltre una decina di cartelle cliniche e abbiamo incaricato il nostro ematologo di analizzare questi nuovi casi – spiega al quotidiano Cesarina Barchini che difende Fausta Bonino – La loro analisi potrebbe confermare come in quel reparto non abbia agito alcun serial killer e che a maggior ragione la mia cliente è totalmente estranea a questa storia che resta comunque grave e tragica”.La donna, si ricorda, si è sempre difesa dalle accuse, ribadendo la sua estraneità ai fatti in una intervista televisiva al programma “Quarto Grado”. “Mi sono sentita incastrata dalle persone che mi dovevano difendere – ha detto – adesso verso queste persone provo rabbia, tanta rabbia”.Per gli inquirenti, al contrario, l’infermiera avrebbe somministrato dosi letali di eparina ai degenti del reparto di rianimazione, provocando la morte in almeno 13 pazienti tra il 2014 e il 2015 per scoagulazione del sangue. Ritenuta “pericolosa, anche per gli stessi familiari” era stato chiesto che la donna rimanesse in carcere.Arrestata la notte del 30 marzo all’areoporto di Pisa al rientro da un viaggio a Parigi dove abita il figlio è stata invece scarcerata lo scorso 20 aprile, in attesa di ulteriori sviluppi sulla vicenda: nuovi esami verranno infatti disposti sulle salme dei pazienti che non sono stati cremati. A deciderlo sono stati i giudici del Tribunale del Riesame, le cui motivazioni sono attese proprio per la prossima settimana. “Ero convinta di non uscire più dal carcere – ha detto ancora l’infermiera nell’intervista – Sapevo che c’era stato uno sbaglio nell’arrestarmi ma pensavo di non poter rimediare. Io penso addirittura che non sia stata fatta l’eparina a tante persone, non credo in un serial killer. Penso che si tratti di malasanità”. Stani decessi sarebbero avvenuti anche dopo l’allontanamento di Fausta Bonino, l’infermiera accusata della misteriosa morte di tredici pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina di Piombino.

È quanto denunciano i difensori della donna spiegando di avere in mano 14 cartelle cliniche di degenti morti dopo che la Bonino non prestava più servizio in rianimazione.

I dati contenuti in quelle cartelle, è la tesi della difesa della donna come riporta ‘La Nazione’, mostrerebbero che le morti “sospette” sono proseguite anche dopo il mese di ottobre 2015, periodo in cui Fausata Bonino era stata trasferita di reparto. “Abbiamo chiesto oltre una decina di cartelle cliniche e abbiamo incaricato il nostro ematologo di analizzare questi nuovi casi – spiega al quotidiano Cesarina Barchini che difende Fausta Bonino – La loro analisi potrebbe confermare come in quel reparto non abbia agito alcun serial killer e che a maggior ragione la mia cliente è totalmente estranea a questa storia che resta comunque grave e tragica”.

La donna, si ricorda, si è sempre difesa dalle accuse, ribadendo la sua estraneità ai fatti in una intervista televisiva al programma “Quarto Grado”. “Mi sono sentita incastrata dalle persone che mi dovevano difendere – ha detto – adesso verso queste persone provo rabbia, tanta rabbia”.Per gli inquirenti, al contrario, l’infermiera avrebbe somministrato dosi letali di eparina ai degenti del reparto di rianimazione, provocando la morte in almeno 13 pazienti tra il 2014 e il 2015 per scoagulazione del sangue. Ritenuta “pericolosa, anche per gli stessi familiari” era stato chiesto che la donna rimanesse in carcere.

Arrestata la notte del 30 marzo all’areoporto di Pisa al rientro da un viaggio a Parigi dove abita il figlio è stata invece scarcerata lo scorso 20 aprile, in attesa di ulteriori sviluppi sulla vicenda: nuovi esami verranno infatti disposti sulle salme dei pazienti che non sono stati cremati. A deciderlo sono stati i giudici del Tribunale del Riesame, le cui motivazioni sono attese proprio per la prossima settimana. “Ero convinta di non uscire più dal carcere – ha detto ancora l’infermiera nell’intervista – Sapevo che c’era stato uno sbaglio nell’arrestarmi ma pensavo di non poter rimediare. Io penso addirittura che non sia stata fatta l’eparina a tante persone, non credo in un serial killer. Penso che si tratti di malasanità”.

15/05/2016 – 08:47

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Contratti. Petriccioli (Cisl), Rispetto per lavoratrici e lavoratori della Sanità Privata. 100mila operatori in attesa del ccnl

Roma, 15 settembre 2020 – “Domani il mondo della sanità privata incrocerà le braccia per chiedere a gran voce la ...

Continua a leggere

Sanità privata: Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, “Sciopero generale il 16 settembre per i diritti dei lavoratori e il rinnovo del Ccnl”

Sanità privata: Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Sciopero generale il 16 settembre per i diritti dei lavoratori e il rinnovo del Ccnl

Lo annunciano le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl. "Nonostante l’accordo siglato ieri in Sicilia tra ...

Continua a leggere

Scuola, allarme pediatri: Con riapertura rischio tilt Pronto soccorso

Con l'inizio delle lezioni 'in presenza' nelle scuole italiane, e i conseguenti rischi di contagio, si rischia il sovraffollamento dei ...

Continua a leggere

Premiata Alessia Bonari a Venezia, l'infermiera simbolo alla lotta contro il coronavirus.

Infermiera simbolo della lotta al Coronavirus sul red carpet Alessia Bonari, la popolare infermiera diventata un simbolo alla lotta contro il ...

Continua a leggere

AVVIO ANNO SCOLASTICO IN SICILIA, CGIL E CISL: DISATTESE LE LINEE GUIDA NAZIONALI E REGIONALI

Oggi incontro in Prefettura Occorre convocare la conferenza provinciale, prevista dalle norme, per stilare un accordo di programma per stabilire e ...

Continua a leggere

Ecco perché è importante l'infermiere scolastico

1 settembre - Gentile direttore, si parla in questi giorni di istituire di nuovo la figura del medico scolastico, scomparsa da ...

Continua a leggere

Infermiere scolastico:L’ordinanza del presidente della Regione Lazio dispone il reperimento di personale sanitario per l’attività di vigilanza e monitoraggio in tutte le scuole.

Gli infermieri nelle scuole del Lazio. E’ l’esordio concreto di una strategia che la nostra professione sostiene e promuove da ...

Continua a leggere

Infermieri:dotazioni organiche da ''stress del sistema'', le preoccupazione dell'ordine professionale.

"Oggi persiste uno stress del sistema, perché bastano pochi casi in più per riattivare organizzazioni difficili e complesse" Le notizie di ...

Continua a leggere

Coronavirus, Oms: “Dobbiamo dialogare con i negazionisti”

Coronavirus, Oms: “Dobbiamo dialogare con i negazionisti”

L’Oms, per voce del direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, sollecita al dialogo con chi manifesta contro le misure prese per ...

Continua a leggere

Quali sono le segnalazioni obbligatorie che riguardano medici ed infermieri? Quali tempistiche? Quali sanzioni in caso di inadempienza?

Quali sono le segnalazioni obbligatorie che riguardano medici ed infermieri? Quali tempistiche? Quali sanzioni in caso di inadempienza?

Il medico, come l’infermiere, deve ottemperare ad altre attività oltre quelle tipicamente assistenziali. Tali attività, che possiamo definire di tipo ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione