Archivi del mese: Ottobre 2015

Nurse 3D_D21_05499.NEF

Nurse 3D_D21_05499.NEF

Il datore di lavoro ci impone di indossare divise e tute di lavoro senza cui “non è permesso accedere alle attività lavorative”: il tempo necessario ad indossare la divisa e a svestirmi della stessa rientra nel mio turno di lavoro?

La legge indica, con l’espressione “orario di lavoro”, qualsiasi periodo in cui il lavoratore resta a disposizione del proprio datore di lavoro, nell’esercizio delle sue attività lavorative o delle sue funzioni. Restano solo esclusi gli intervalli di tempo in cui il dipendente gode della piena disponibilità.

Continua a leggere

raga Lo studente si è sentito male sul pullman a Empoli, decisivi la velocità dei soccorsi e il massaggio cardiaco. Ora è grave all’ospedale pediatrico Meyer, di Francesco Turchi:
EMPOLI. È salito sul pullman per tornare a casa, dopo una mattinata trascorsa a scuola. Ma il suo cuore ha improvvisamente smesso di battere. Per sua fortuna è arrivato un angelo, vestito da infermiere.

Continua a leggere

inf roma Apre il poliambulatorio in via Melchiorre Gioia Niente ticket, si paga con una card ricaricabile
Fuori dagli ospedali gli infermieri cambiano il modo di lavorare. È finita l’epoca del tam tam e degli anziani che chiedono consiglio al vicino di casa per trovare qualcuno che li aiuti con medicazioni o iniezioni. Ora gli infermieri liberi professionisti si sono organizzati in un poliambulatorio specializzato: si chiama Nurseitalia e ha sede in via Melchiorre Gioia.

Continua a leggere

num1 Da il sole 24 ore di Dario Amati, Maddalena Zippi, Domenico Montemurro, Maurizio Cappiello, Carlo Palermo (gruppo di lavoro Anaao-Assomed e Anaao Giovani)Orari di lavoro: breve storia normativa
ANTEPRIMA. Si sa, a tirare troppo la corda si spezza, ed è così che negli ultimi anni, usurpando progressivamente il medico e il personale sanitario dai propri fondamentali diritti, tra cui per primo quello al riposo, l’Italia è stata sottoposta a procedura di infrazione con tanto di sanzione evitata solo in extremis.

Continua a leggere

carboneÈ inaccettabile lo stanziamento dei 300 milioni, che poi diventano 200 a fine serata, per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici, annunciato nella conferenza stampa del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi subito dopo la riunione dell’esecutivo sul dd.l. di stabilità 2016. È questo il primo commento espresso del Segretario Generale della FIALS, Giuseppe Carbone, nella riunione della segreteria nazionale convocata oggi d’urgenza.

Continua a leggere

ovulazioneUn argomento O.T. ma che è impossibile non pubblicare perché è un documento difficile da catturare.
Durante un intervento di isterectomia la paziente ha ovulato e il chirurgo è stato capace di cogliere il momento esatto in cui l’ovulo viene liberato dal follicolo. Fantastico!!!

fonte dal web.

onere prova Chi non va a lavorare abusando del diritto concessogli dalla legge scarica il costo del proprio ozio sulla collettività: l’azienda può procedere al licenziamento immediato.
Ancora una volta linea dura della Cassazione contro gli abusi, da parte dei dipendenti, dei permessi concessi dalla legge 104: chi dice di assistere il parente disabile e poi, invece, viene beccato a fare la spesa, la gita fuoriporta o a passeggiare con gli amici, può essere licenziato in tronco. E questo perché un comportamento del genere – benché purtroppo generalizzato ed entrato nel peggiore dei malcostumi italiani – lede la fiducia del datore di lavoro e, quindi, giustifica il recesso dal rapporto di lavoro.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

Dadone CISL Roma, 24 febbraio 2020 – “In momenti delicati come questi, dobbiamo certamente mettere d [continua]

“Intorno al 2020 una grave polmonite si diffonderà in tutto il mondo”, si legge nel testo. una coinc [continua]

Medici e infermieri in trincea: “Turni infiniti, stress e paura” La trincea ha un prato verde molto [continua]

Il coronavirus secondo Xi: «La più grande emergenza sanitaria della nostra storia» L’ammissione del [continua]

Legami incerti con Cina o persone già infette. La cosa ci preoccupa. A dirlo è Hans Kluge, il dirett [continua]