tribu Un infermiere aveva applicato il catetere vescicale a un anziano nonostante il secco rifiuto di questi, condannato.

la difesa, argomentava la necessità della procedura volta a garantire lo stato di salute del paziente, poiché lo stesso, manifestava agitazione e sofferenza a causa dell’impossibilità di espletare autonomamente le sue funzioni fisiologiche . Infatti Con l’applicazione del catetere le condizioni cliniche oggettive del paziente miglioravano, tant’è che l’agitazione scompariva e il paziente poteva riposare.
In poche parole il professionista sanitario non può operare alcun trattamento o procedura senza il consenso del paziente. Un consenso che deve essere espresso coscientemente da un paziente che sia stato debitamente informato e pienamente consapevole dei rischi e benefici della procedura.
Ancora L’infermiere(il medico) non possono obbligare i paziente a subire un trattamento contro la propria volontà, anche se per il suo stesso bene.

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

L’infermiere nasce già demansionato, è l’università che lo prepara perché il datore lo possa sfrutta [continua]

L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Foggia, esprime severissima con [continua]

Professioni sanitarie, ministero Salute: «Abusivo chi non si iscrive subito al nuovo ordine multi-al [continua]

Del medico si dice che è “un luminare”, “uno scienziato”, “in gamba”, “preparato”. Dell’infermiere s [continua]