inf medProfessionisti da tutta Italia alle prese con day surgery e innovazione organizzativa Ospedale Santa Maria di Terni, medici e infermieri a scuola di clinical governance a Colle Obito

Colle Obito diventa quartier generale di formazione professionale per medici e infermieri. Al centro della scuola speciale Acoi di chirurgia ambulatoriale e day Surgery, già punto di riferimento del Ministero della salute e dell’Agenas, i principali temi del settore inseriti in un contesto di più ampio respiro che ha tirato in ballo gli aspetti professionali ma anche quelli managerali. L’ospedale di Terni scelto per la quarta edizione del corso di innovazione organizzativa.

La formazione Offerta chirurgica al tempo della spending review, ruolo della day surgery nell’organizzazione dell’ospedale e nella rete degli ospedali umbri, innovazione organizzativa per migliorare l’offerta chirurgica secondo il principio della gradualità delle cure in funzione della complessità assistenziale, logiche e metodologie della Lean Organization in sanità e ruolo dell’Università per la formazione e lo sviluppo di competenze non tecniche. Questi sono i principali temi affrontati durante il corso del 24-26 settembre, al quale hanno partecipato numerosi professionisti provenienti da tutta Italia. Il corso ha previsto anche sessioni di formazione interattiva, alcune dedicate agli aspetti di tecnica chirurgica per il trattamento dei difetti della parete addominale e dell’ernia inguinale con l’obiettivo di trovare una soluzione su misura (Tailored Surgery): chirurgia aperta o laparoscopica, scelta di nuovi materiali, scelta del setting assistenziale più appropriato e sviluppo degli aspetti della gestione manageriale.

Ospedale Santa Maria di Terni Gli obiettivi sono stati illustrati dal dottor Marsilio Francucci, direttore della Scuola e responsabile dell’unità di day Surgery dell’azienda ospedaliera di Terni. Riguardano lo sviluppo delle competenze professionali e gestionali necessarie per l’efficacia e la sicurezza del percorso assistenziale, l’approfondimento delle tecniche chirurgiche ed anestesiologiche, la scelta dei presidi e dei materiali, la gestione del rischio clinico attraverso l’adozione diffusa degli strumenti di clinical governance. Grazie all’esperienza maturata nelle quattro aziende della Regione Umbria con la ‘palestra’ del miglioramento rapido in sala operatoria, in collaborazione con la Scuola umbra di amministrazione pubblica, il progetto viene concentrato sull’applicazione della Lean Organization in sala operatoria. I prossimi appuntamenti sono fissati per il 26-28 ottobre e 26-28 novembre 2015, con l’approfondimento di temi inerenti alla patologia mammaria e proctologica, alla terapia del dolore e ad argomenti di cultura manageriale, con la presentazione nazionale dei progetti di innovazione organizzativa elaborati dai discenti nel corso della scuola.

fonte

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

  Lo ha ribadito una sentenza della Cassazione Pubblicato 09/03/2017 Le norme presenti in un codice [continua]

Genova. Sono state necessarie circa 26 ore di volo di uno dei Falcon 900 dell’Aeronautica Militare d [continua]

la prescrizione medica di farmaci è un atto professionale attraverso il quale un medico indica all’i [continua]

Lo prevedono i regolamenti interni che stabiliscono la tipologia di attrezzature, presidi e farmaci [continua]

Per Per la Suprema Corte di cassazione la soppressione del posto di lavoro giustifica il licenziamen [continua]