Secondo questo ragionamento, la dignità del paziente, che io considero sacrosanta, vale di più di quella degli Infermieri..

Se chi gestisce un’Azienda non organizza un servizio che assicuri tutto quanto necessario per un’adeguata e dignitosa assistenza, allora la colpa la diamo agli Infermieri???
Sembra demenziale !!!!!

Continua a leggere

le mansioni igienico-domestico-alberghiere e precisamente: riassettare il letto e cambiare la biancheria; smaltire le sacche di urina; sostituire i pannoloni,rispondere ai campanelli di richiesta domestica e alberghiera; soddisfare richieste che attengono alle necessità quotidiane dei pazienti; alzare e abbassare le tapparelle; aprire e chiudere le finestre; alzare e abbassare lo schienale del letto; aprire una bottiglia; riempire un bicchiere d’acqua; porgere il telefonino, gli occhiali, la dentiera, una bottiglietta, ecc.; accendere e spegnere la televisione; prendere le lenzuola; chiudere la porta; chiamare un parente al telefono; prendere dall’armadio vestiti, scarpe, calzini; vestire e movimentare il paziente alzandolo di peso nel letto; sollevare il paziente dal letto/carrozzina/comoda e viceversa il più delle volte da solo per accompagnarlo al bagno; usare le padelle e i pappagalli, svuotarli e pulirli; pulire le bacinelle ed ogni presidio usato dal medico e dall’infermiere; imboccare i pazienti non autosufficienti; , effettuare le cure igieniche, vestire il paziente; barellamento dei pazienti a mezzo di carrozzina, barella e letto per il trasportarli verso altri servizi; preparare, lavare ed asciugare il materiale da sterilizzare; pulire, controllare e rifornire i carrelli e gli armadi di servizio; smaltire il materiale sporco usato per l’assistenza; spostare tra le stanze materassi, letti interi e comodini.

Continua a leggere

 

 

 

In italia sono circa 114 mila le persone con sclerosi multipla, una delle malattie più gravi del sistema nervoso centrale.
Questa malattia è cronica e invalidante.
Ogni anno si contano 3400 nuove diagnosi.
I più colpiti sono giovani tra i 20 e i 40 anni.
il sesso femminile viene colpito il doppio rispetto al maschile.
Questi dati sono stati emanati dall’associazione italiana sclerosi multipla ( Aism ) durante la presentazione tecnico scientifica per l’accertamento degli stati invalidanti correlati alla sclerosi multipla.
Il costo medio per paziente è di 45 mila euro.
Si parte dai 18 mila della fase iniziale agli 84 mila per i malati più gravi.
Il totale è 5 miliardi annui.

https://www.aism.it
Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

Sostieni una buona causa collegati al sito dell’ Aism.

Di: Amato Angelo

Seguici su nursenews.eu

(Nurse 4.0)

 

 

“Abbiamo scelto il mese di maggio, perché giornata di visibilità della professione in un convegno al Senato. Maggio data di nascita della Florence Nightingale simbolo dell’assistenza alla persona e fondatrice delle scienze infermieristiche
In occasione del 7° anno “Giornata nazionale dell’operatore socio sanitario”, la Federazione Migep invia i migliori auguri a tutti gli oss che esercitano la professione sempre vicini alle persone che cercano risposte al loro problema di salute; i migliori auguri a tutti gli studenti che intraprendono questa professione.

Continua a leggere


Tra le nuove offerte formative dell’Università Magna Graecia di Catanzaro è stato istituito un nuovo Master di I livello per tutti i laureati in Infermieristica che desiderano proseguire il percorso di studi ed acquisire nuove competenze, il “Master in management infermieristico del rischio infettivo correlato all’assistenza sanitaria”.

Continua a leggere

Ospedale di Licata ” uomo muore per dei calcoli renali”, malasanità ?

Un 52enne è stato dimesso per due volte dall’ospedale prima dell’aggravamento delle sue condizioni di salute .

Infatti, la terza volta che torna all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata, le sue condizioni sono gravissime: i sanitari dispongono il trasferimento al San Giovanni di Dio di Agrigento ma è troppo tardi.

Continua a leggere

Neurologia :
I farmaci ad azione anticolinergica aumentano il rischio di andare incontro a demenza.

Uno studio inglese pubblicato dal British Medical Journal
constata che
antidepressivi, farmaci urologici o contro il Parkinson,farebbero aumentare il rischio di andare incontro a demenza.

Il gruppo di studiosi capitanato da Georg Sawa,della East Anglia University di Norwich, nel Regno Unito.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

Secondo questo ragionamento, la dignità del paziente, che io considero sacrosanta, vale di più di qu [continua]

      In italia sono circa 114 mila le persone con sclerosi multipla, una delle malattie più gravi d [continua]

Sono un infermiere e lavoro come libero professionista, attraverso uno studio, in una casa di riposo [continua]