Rissa in ospedale per una mancata precedenza, picchiati 5 infermieri
Domenica 13 Ottobre

SAN BENEDETTO – Una mancata precedenza in viale De Gasperi scatena una furibonda rissa che ha il prologo nella trafficata via del centro e l’epilogo nel corridoio del pronto soccorso. Una rissa che ha coinvolto involontariamente anche cinque infermieri che hanno cercato di placare gli animi ma che sono stati picchiati dai sei contendenti i quali hanno adoperato anche le aste delle flebo per darsela di santa ragione.tutto ha avuto origine nel pomeriggio quando due famiglie a bordo di auto sono venute a diverbio per una precedenza in viale De Gasperi.

Continua a leggere


I 102 presidenti degli Ordini provinciali e interprovinciali, riuniti nel Consiglio nazionale della
Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) a Roma il 12 ottobre
2019, prendono atto dello stato di tensione interprofessionale che si è venuto a creare nelle
ultime settimane/giorni, il quale anziché far avanzare il SSN e i diritti dei pazienti, corre il
serio rischio di attuare una regressione culturale dei rapporti tra professioni e delle politiche
sanitarie pubbliche.

Continua a leggere


L’iniziativa disciplinare nei confronti dell’assessore regionale alla Salute in Emilia-Romagna, Sergio Venturi, “lungi dall’essere genericamente infondata”, fatto di per sé privo di interesse penale, era “dimostrativa della volontà intenzionale di discriminare e vessare il soggetto passivo, per ragioni diverse da quelle rese palesi in sede di contestazione disciplinare”.

Continua a leggere

Nota del Coordinamento degli ordini delle professioni sanitarie della Sicilia a tutte le istituzioni sanitarie regionali e ai presidenti dei gruppi parlamentari: portare i minuti di assistenza pro die a 180, equivale a garantire 60 minuti a turno di servizio e assicurare un rapporto infermieri pazienti di 1:8

Continua a leggere

Un medico dell’Ulss 5, dopo avere pubblicato un lungo video dove spiega a suo dire che, nel caso di un trasporto d’urgenza, sarebbe stata messa in pericolo la sicurezza di un paziente, non garantendogli, secondo questa sua impostazione, quell’assistenza medica della quale avrebbe necessitato, nel trasferimento da un ospedale periferico dell’Ulss 5 a quello del capoluogo.

Continua a leggere

Le amministrazione devono pagare le quote di iscrizione agli ordini dei professionisti. Nel caso in cui il professionista sia dipendente pubblico e lo stesso abbia un vincolo di esclusività, l’ente dovrà provvedere al versamento della quota di iscrizione. E’ la conclusione a cui è giunto il tribunale di Pordenone nella sentenza n. 116/2019 pubblicata lo scorso 6 settembre.

Continua a leggere

 

Come riportato da Repubblica, L’Università di Palermo ha presentato un esposto alla Polizia di Stato ai fini dell’accertamento e dell’eventuale prevenzione dell’ipotesi di reato. Si spera vivamente che tutte le altre università si adeguino aumentando i controlli.

Manca pochissimo ormai ai famosi test d’ammissione di Medicina, una delle facoltà più ambite dagli studenti universitari e dove è più difficile entrare. Il dramma del test d’ingresso si ripete ciclicamente ogni anno, con volti nuovi e problematiche sempre uguali, ma quest’anno in Sicilia le cose sembrano aver preso una piega da “spy movie”.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

Rissa in ospedale per una mancata precedenza, picchiati 5 infermieri Domenica 13 Ottobre SAN BENEDET [continua]

Condividiamo e riportiamo l’articolo di redazione apparso nelle colonne di Nurse Times, per sostener [continua]

L’iniziativa disciplinare nei confronti dell’assessore regionale alla Salute in Emilia-Romagna, Serg [continua]

Nota del Coordinamento degli ordini delle professioni sanitarie della Sicilia a tutte le istituzioni [continua]